Calendario Eventi

Dicembre 2019
D L M M G V S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4

Appuntamenti Forum

Written on 10/01/2014, 10:41 by Moderatore
 La psicologa ed esperta AIC Dott.ssa Francesca SAFINA risponde alle vostre domande. Si ricorda agli utenti che il prossimo incontro si terrà mercoledì...
14967 0
Written on 11/05/2013, 09:46 by Moderatore
  Il medico ed esperto AIC Dott. Francesco VALITUTTI risponde alle vostre domande. Si ricorda agli utenti che il prossimo incontro si terrà mercoledì...
20030 0
Benvenuto, Ospite
Nome Utente Password: Ricordami

Contaminazione in allattamento
(1 Online) (1) Ospite
Scrivi qui le tue domande e condividi le tue curiosità. Noi di AIC saremo lieti di rispondere e invitiamo tutti i membri del Forum a contribuire con una loro risposta.
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO: Contaminazione in allattamento

Contaminazione in allattamento 10 Mesi, 1 Settimana fa #13893

Buonasera,

Ho scoperto di essere celiaca in gravidanza, senza sintomi se non anemia. Da quel momento mi attengo ad una dieta senza glutine, consumando alimenti confezionati di solo mais e riso.

Sto allattando il mio bambino. Vorrei sapere se, in caso di contaminazione accidentale, ci sono rischi per il bimbo (gli anticorpi passano nel latte?).

Inoltre vorrei capire se mangiare alimenti freschi (in pizzerie/panifici certificati) o prodotti con frumento deglutinato mi espone a maggior rischio di contaminazione.

Grazie.

Re: Contaminazione in allattamento 10 Mesi, 1 Settimana fa #13907

Salve,
procediamo per ordine; questione contaminazioni:

Se lei segue la dieta con scrupolo è difficile che vada incontro a contaminazioni importanti. In letteratura sembra dimostrato che i peptidi tossici del glutine possono passare nel latte materno, ma questo si potrebbe verificare solo nel caso in cui lei dovesse assumere (per sbaglio) un piatto di pasta, o del pane, con glutine. Le contaminazioni sporadiche, accidentali, non possono attivare la risposta anticorpale e quindi non è possibile ritrovare il glutine nel latte. Sulla questione le allego, di seguito, un passo di un articolo del Prof Catassi, con il quale il professore spiega meglio questa eventualità. Quindi prosegua la sua dieta con serenità, senza troppe ansie. Se lei è serena e non angosciata dal problema delle contaminazioni anche il suo bambino starà meglio.

Articolo presente su Celiachia News n°4 dal titolo:
I test sierologici nel corso del follow-up- del Prof. Carlo Catassi:

E' bene tuttavia tenere presente che l'introduzione di minime quantità di glutine ( le cosiddette tracce presenti a seguito di contaminazione o per aggiunta di additivi contenenti glutine quale l'amido di grano) raramente è in grado indurre la positivizzazione della sierologia celiaca (i cui valori abnormi indicano generalmente "macro" trasgressioni alimentari) "
Prof. Carlo Catassi. Division of Pediatric Gastroenterology and Nutrition University of Maryland Baltimore



Prodotti da forno freschi.
Se lei assume alimenti freschi da laboratori autorizzati dalla sua asl di residenza, questi prodotti sono da ritenersi sicuri perchè devono rispettare delle normative sulle quantità di glutine molto stringenti.

Amido di frumenti deglutinato.
Relativamente ai suoi dubbi circa i prodotti contenenti amido di frumento deglutinato deve considerare che tale ingrediente può essere utilizzato, in quanto così previsto dalla normativa, unicamente negli alimenti dietetici senza glutine (pane, pasta, prodotti da forno) confezionati. Questi prodotti sono quelli che devono rientrare nel Registro degli Alimenti senza glutine del Ministero della Salute erogabili dal SSN e che lei può quindi acquistare con i buoniwww.celiachia.it/dieta/Dieta.aspx?SS=182&M=486. Tutti i prodotti dietetici senza glutine presenti in Registro vengono inseriti nel piano dei controlli previsti dal Ministero della Salute, garantendone quindi un elevato livello di tutela, sicurezza e garanzia per il celiaco. Pertanto i prodotti dietetici contenenti amido di frumento deglutinato sono assolutamente sicuri. Per quanto sopra illustrato mi sento di riassicurarla in quanto i prodotti contenenti amido di frumento deglutinato possono essere consumati senza accomandazioni di frequenza.

Da questa indicazione fanno esclusione i prodotti a base di amido di frumento che, pur derivando dal frumento, non prevede processi di vera e propria “deglutinazione” ma semplicemente una attenta separazione meccanica dell’amido dalle altre componenti del chicco.

Mentre per la produzione delle birre bevande a base di orzo o frumento” connsiderando che contengono un residuo fisso di glutine (a differenza dei prodotti da materie prime senza glutine,dove il limite dei 20 ppm è inserito per regolare eventuali contaminazioni accidentali,saltuarie e non continuative) e quindi si suggerisce un consumo moderato/saltuario:www.celiachia.it/menu/faq.aspx?idcat=2&idfaq=77

Sperando di essere riuscito a comunicare bene gli argomenti, la saluto cordialmente.
Arrigo Arrighi
Esperto AIC
Ultima modifica: 10 Mesi, 1 Settimana fa Da Arrigo Arrighi Moderatore.

Re: Contaminazione in allattamento 10 Mesi, 1 Settimana fa #13909

Grazie mille per la risposta puntuale e dettagliata.

Mi atterro sicuramente alla dieta, ampliando la varietà dei cibi secondo i suoi consigli, cercando di vivere serenamente la concomitanza di questa condizione di celiaca e allattamento.

Mi resta soltanto l'interrogativo di capire che cosa rischia il bimbo (non celiaco) nel caso (fortunatamente molto poco probabile attenendosi alla dieta, come mi ha spiegato) in cui si attivi la mia risposta anticorpale e lo allatti successivamente . Banalmente mi sarebbe utile sapere se, in caso di scambio accidentale di un prodotto, rendendosi conto di aver introdotto una quantità significativa di glutine (si spera non succeda mai!) , è consigliato sospendere l'allattamento.

Nuovamente grazie per il rapido e competente supporto.

Re: Contaminazione in allattamento 10 Mesi, 1 Settimana fa #13911

Salve,
nella remota possibilità che questo dovesse accadere le suggerisco di consultare il suo medico e consigliarsi con lui. L'ingestione involontaria di glutine potrebbe essere dannosa per la sua salute e non tanto per quella del bambino, come illustrato nel messaggio di seguito allegato del Prof. Volta, con il quale si rispondeva a domande analoghe. Comunque torno a ripetere, l'importante è seguire la dieta in maniera equilibrata e serena e tutto andrà bene. Ci sono molte mamme celiache che allattano i propri bambini con successo e senza nessun problema.
Cordialità.

Ingestione per errore di prodotti con glutine.

risposta del Prof Umberto Volta, CSN-AIC:
Purtroppo la possibilità di un errore che comporti l'assunzione di glutine per uno sbaglio o un calo della soglia di attenzione, come in questo caso, è sempre dietro l'angolo per il celiaco. E' chiaro che è meglio evitare la cosa, ma i danni che si verificano non sono così disastrosi dal dover creare angoscia o pericoli di conseguenze tremende. Quello che succede per una introduzione sporadica come nel caso in oggetto è una sensibilizzazione di quei linfociti intraepiteliali che inoltre aumentano come concentrazione a livello della mucosa intestinale. E' chiaro che ci vorrà nuovamente un periodo di tempo (stimabile in alcune settimane) perchè questi calino nuovamente, ma se l'episodio rimane isolato non ci saranno conseguenze più gravi, in particolare non si rischia la ricomparsa dell'atrofia dei villi, vera responsabile della sindrome da malassorbimento.
Arrigo Arrighi
Esperto AIC
Ultima modifica: 10 Mesi, 1 Settimana fa Da Arrigo Arrighi Moderatore.

Re: Contaminazione in allattamento 10 Mesi, 1 Settimana fa #13914

Grazie per la risposta esaustiva e competente, è stato gentilissimo.
Ringraziano per il messaggio: Arrigo Arrighi Moderatore
  • Pagina:
  • 1
Tempo generazione pagina: 0.52 secondi
Page Design & Concept by