Calendario Eventi

Ottobre 2019
D L M M G V S
29 30 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2

Appuntamenti Forum

Written on 10/01/2014, 10:41 by Moderatore
 La psicologa ed esperta AIC Dott.ssa Francesca SAFINA risponde alle vostre domande. Si ricorda agli utenti che il prossimo incontro si terrà mercoledì...
14716 0
Written on 11/05/2013, 09:46 by Moderatore
  Il medico ed esperto AIC Dott. Francesco VALITUTTI risponde alle vostre domande. Si ricorda agli utenti che il prossimo incontro si terrà mercoledì...
19681 0
Benvenuto, Ospite
Nome Utente Password: Ricordami

ESENZIONE
(1 Online) (1) Ospite
Scrivi qui le tue domande e condividi le tue curiosità. Noi di AIC saremo lieti di rispondere e invitiamo tutti i membri del Forum a contribuire con una loro risposta.
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO: ESENZIONE

ESENZIONE 4 Mesi, 2 Settimane fa #14297

Buongiorno,
mio marito con madre celiaca e di problemi di salute come perenne acidità di stomaco e difficoltà a respirare ha effettuato una gastroscopia a seguito della quale è risultato celiaco di primo grado.
Gli esami del sangue però hanno dato riscontro delle transglutaminasi negative.
E' innegabile che sia celiaco in quanto gli effetti del glutine nella dieta si manifestano con i problemi sopracitati e da quando non assume glutine sta decisamente molto meglio sotto molteplici aspetti.
E' corretto che non venga concessa esenzione solo perchè risultato di primo grado?
In ogni caso lui DEVE mangiare senza glutine quindi non trovo giusto non poter usufruire del bonus.
Dove posso trovare la normativa che lo specifica?
Grazie
Elena

Re: ESENZIONE 4 Mesi, 2 Settimane fa #14300

Gentile Signora,
la procedura per ottenere l'esenzione è quella che prevede che il centro o il medico specialista accreditato dalla regione di residenza rilasci
certificazione di diagnosi che viene presentata successivamente alla propria asl di riferimento per ottenere l'erogazione gratuita dei prodotti. Molto probabilmente, cerco di immaginare, quella che lei riporta come celiachia di primo grado non è altro che una lesione di tipo infiltrativo che può essere compatibile con una celiachia potenziale, ma che però necessità della positività anticorpale specifica. Mentre nel caso di suo marito, almeno da quello che riferisce, gli anticorpi sono negativi. In proposito le allego un messaggio del prof Volta con il quale il professore rispondeva ad una domanda analoga alla sua. Per quanto riguarda la sintomatologia ci sono molte condizioni che migliorano dopo l'avvio di una dieta senza glutine, iniziata senza avere ricevuto diagnosi certa di celiachia, e questo non può essere considerato un criterio diagnostico attendibile, in quanto l’eliminazione del glutine dalla dieta fa scomparire il meteorismo nel colon irritabile o regolarizza l’intestino nella colite spastica, riducendo talvolta la sintomatologia dolorosa addominale, ma senza avere un chiaro significato diagnostico per la malattia celiaca ( rif Prof, Volta ).
Pertanto la sua domanda dovrebbe essere rivolta a un centro di riferimento per la celiachia accreditato dalla sua regione di residenza, il quale saprà valutare lo stato clinico di suo marito e quindi stabilire se sia il caso o meno di fare revisione di diagnosi.
Cordialità.



Celiachia potenziale.

risposta Prof Umberto Volta.

Una lesione di tipo infiltrativo a livello duodenale, caratterizzata da aumento dei soli linfociti intraepiteliali, può essere compatibile con una diagnosi di celiachia potenziale per avvalorare la quale è necessaria una chiara risposta anticorpale positiva (EmA e/o anti-tTG positivi). L'indagine genetica può solo indicare una predisposizione alla celiachia e nulla più. Nel caso della Paziente il periodo di reintroduzione del glutine dopo dieta aglutinata è stato troppo breve (4 settimane) per rendere attendibili gli esami sia dal punto di vista istologico che anticorpale. Per chiarire se veramente la Sigra è affetta da celiachia è necessario un challenge di almeno 3 mesi (la Sig.ra era a dieta aglutinata da 2 anni) con successiva esecuzione di biopsia duodenale ed esami anticorpali (preferibilmente il tutto da eseguirsi presso un centro di riferimento) .Per concludere voglio ricordare come il 90% delle lesioni infiltrative della mucoisa intestinale (lesione tipo I secondo Marsh- Oberhuber) non siano riferibili a celiachia.
Prof. Umberto Volta- Presidente CSN-AIC
Arrigo Arrighi
Esperto AIC
Ultima modifica: 4 Mesi, 2 Settimane fa Da Arrigo Arrighi Moderatore.
  • Pagina:
  • 1
Tempo generazione pagina: 0.27 secondi
Page Design & Concept by