Calendario Eventi

Maggio 2019
D L M M G V S
28 29 30 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1

Appuntamenti Forum

Written on 10/01/2014, 10:41 by Moderatore
 La psicologa ed esperta AIC Dott.ssa Francesca SAFINA risponde alle vostre domande. Si ricorda agli utenti che il prossimo incontro si terrà mercoledì...
13986 0
Written on 11/05/2013, 09:46 by Moderatore
  Il medico ed esperto AIC Dott. Francesco VALITUTTI risponde alle vostre domande. Si ricorda agli utenti che il prossimo incontro si terrà mercoledì...
18665 0
Benvenuto, Ospite
Nome Utente Password: Ricordami

Ferritinemia bassissima
(1 Online) (1) Ospite
Scrivi qui le tue domande e condividi le tue curiosità. Noi di AIC saremo lieti di rispondere e invitiamo tutti i membri del Forum a contribuire con una loro risposta.
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO: Ferritinemia bassissima

Ferritinemia bassissima 5 Anni, 8 Mesi fa #3216

Ho fatto le analisi di controllo dopo circa 7 mesi dall'inizio della dieta g.f.e con stupore ho appreso che i miei anticorpi indicativi della celiachia si sono normalizzati del tutto mentre il valore della ferritinemia è passato da 21,30 di gennaio (prima della dieta g.f) a 9. Preciso che il valore della sideremia è nella norma. Mi devo preoccupare? Cosa devo fare? Grazie in anticipo.

Re: Ferritinemia bassissima 5 Anni, 8 Mesi fa #3218

Salve,
oltre al valore della ferritina e della sideremia sarebbe importante e utile sapere il valore dell'emoglobina.
Con questi dati può chiedere ulteriori informazioni, sempre sul forum, al medico nell'area incontri, previsto per il 25 settembre prossimo.
Intanto le allego, solo per conoscenza, un messaggio del prof Volta con il quale il professore spiega la questione anemia nei soggetti celiaci a dieta g.f.
Un cordiale saluto.

CELIACHIA E ANEMIA

La prima cosa da stabilire è se la malattia celiaca è o no in fase di remissione in quanto i bassi valori di ferritina (e soprattutto quelli di emoglobina) possono essere espressione di una non buona compliance alla dieta. Va pertanto fatta un'attenta valutazione clinica, unitamente al controllo dei marcatori anticorpali attualmente ritenuti più utili per il monitoraggio della celiachia, cioè gli anticorpi antitransglutaminasi. Se il quadro clinico ed anticorpale lasciano qualche dubbio sul compenso della celiachia, non vi è dubbio che sia indicata una biopsia duodenale di controllo per verificare lo stato della mucosa. Se invece il quadro clinico ed anticorpale sono congrui con un buon compenso della celiachia, si può programmare la somministrazione di ferro anche per os (non è indispensabile darlo endovena) dal momento che se assumiamo che la mucosa intestinale si sia normalizzata il ferro sarà assorbito anche somministrato per via orale. Bisogna ricordare che gli alimenti dietoterapeutici non contengono ferro, motivo per cui, se la dieta non è integrata con prodotti naturalmente privi di glutine contenenti ferro, si può anche presentare il problema di una ridotta introduzione di questo elemento. Prof. Umberto Volta
Presidente CSN-AIC
Arrigo Arrighi
Esperto AIC
Ultima modifica: 5 Anni, 8 Mesi fa Da Arrigo Arrighi Moderatore.
Ringraziano per il messaggio: morosita76
  • Pagina:
  • 1
Tempo generazione pagina: 0.48 secondi
Page Design & Concept by