Calendario Eventi

Luglio 2020
D L M M G V S
28 29 30 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1

Appuntamenti Forum

Written on 10/01/2014, 10:41 by Moderatore
 La psicologa ed esperta AIC Dott.ssa Francesca SAFINA risponde alle vostre domande. Si ricorda agli utenti che il prossimo incontro si terrà mercoledì...
16021 0
Written on 11/05/2013, 09:46 by Moderatore
  Il medico ed esperto AIC Dott. Francesco VALITUTTI risponde alle vostre domande. Si ricorda agli utenti che il prossimo incontro si terrà mercoledì...
21349 0
Benvenuto, Ospite
Nome Utente Password: Ricordami

colon irritabile, gluten sensitivity o celiachia?
(1 Online) (1) Ospite
Scrivi qui le tue domande e condividi le tue curiosità. Noi di AIC saremo lieti di rispondere e invitiamo tutti i membri del Forum a contribuire con una loro risposta.
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO: colon irritabile, gluten sensitivity o celiachia?

colon irritabile, gluten sensitivity o celiachia? 4 Anni, 4 Mesi fa #9103

Salve,
ho 40 anni e fin da quando ne avevo 20 soffro di disturbi intestinali che mi hanno sempre fatto pensare alla sindrome del colon irritabile: gonfiore, meteorismo, stitichezza... ma soprattutto "bolle d'aria", "rumori" e dolori nella zona del colon ascendente.
Qualche anno fa (2010), insospettita dal fatto che questi sintomi erano molto accentuati dopo l'assunzione di pane/pasta/pizza, mi sottoposi alle analisi del sangue per la celiachia ma diedero risultato negativo.
L'estate scorsa (luglio 2015) il mio medico mi suggerì di provare a diminuire l'assunzione di glutine (sospettando una gluten sensitivity). Da allora ho cominciato a stare notevolmente meglio. L'idea era quella di ridurre progressivamente il glutine fino a non assumerlo più per qualche mese, per poi reintrodurlo gradualmente...e vedere gli effetti. Questa "reintroduzione" però mi sta dando problemi... ogni volta che riprovo a mangiare anche solo una fetta di pane o qualche boccone di pasta avviene la stessa cosa: già dopo una mezza giornata comincio ad avvertire sintomi come gonfiore, bolle d'aria e dolore alla parte destra del colon... per un paio di giorni ho stitichezza... poi feci dure e caprine con muco... Tornando a non assumere glutine, questi sintomi scompaiono e l'intestino torna regolare.
A questo punto mi chiedo come devo procedere: continuo a insistere nel reintrodurre gradualmente il glutine oppure è meglio ripetere il test per la celiachia? Ma dopo 7-8 mesi di alimentazione senza glutine, i risultati possono essere falsati?

Spero tanto possiate indirizzarmi... io non so più cosa fare.
Grazie mille in anticipo per la vostra attenzione.

Re: colon irritabile, gluten sensitivity o celiachia? 4 Anni, 4 Mesi fa #9111

Salve,
i medici, che sono Consulenti Scientifici per AIC, sostengono che prima di eliminare il glutine, in presenza di sintomi sospetti, andrebbe esclusa la diagnosi di celiachia. Vista la sua sintomatologia, almeno da quello che riferisce, sarebbe opportuno rivolgersi ad un centro di riferimento per la celiachia, il quale saprà porre diagnosi in maniera corretta, sia che si tratti di celiachia o che si tratti di altre condizioni come la sensibilità al glutine, l' allergia al grano, o la sindrome del colon irritabile. Ovviamente dovrà riesporsi al glutine per un certo periodo di tempo indicato dal centro. Il passaggio dall'esclusione della diagnosi di celiachia è importante e questa non può essere esclusa solo sulla base di alcuni test in quanto esiste, solo per fare un esempio, la celiachia con la sierologia negativa. Il solo modo per diagnosticarla in questi casi ( 1-3% ) è la biopsia intestinale. Per cui ci tengo ulteriormente a sottolineare che sarebbe importante rivolgersi ad un centro specialistico per la celiachia. Infine le allego, di seguito al presente, alcune informazioni sulla sensibilità al glutine del Prof. Catassi, che meglio riassume la questione.
Un cordiale saluto.

- Sensibilità al glutine: sintomi, diagnosi, cure.-

Focus di Carlo Catassi, professore ordinario di pediatria all'Università Politecnica di Ancona e co-director del Center for celiac research University of Maryland di Baltimora (Usa).

Sulla sensibilità al glutine, in inglese gluten sensitivity, non ci sono ancora dati precisi, ma si stima che il numero di chi ne soffre sia largamente superiore a quello dei celiaci. Essere sensibili al glutine significa avere sintomi simili a quelli della celiachia e dell'allergia al grano (dolore addominale, nausea, vomito, gas intestinale, stitichezza e diarrea) e anche sintomi extra-intestinali, come stanchezza, eczemi, confusione mentale e, soprattutto, cefalea.

DIAGNOSI. La diagnosi di sensibilità al glutine viene formulata da uno specialista (gastroenterologo, dietologo o nutrizionista), che prescriverà una serie di esami. Infatti, prima di pensare alla gluten sensitivity bisogna escludere l'allergia al grano, con i prick test (eseguiti inoculando sotto la pelle del braccio una piccolissima quantità di grano) e i rast test (esami del sangue), e si deve poter abbandonare l'ipotesi che si tratti di celiachia o intolleranza permanente al glutine, attraverso analisi del sangue che ricercano anticorpi contro il glutine e contro l'enzima transglutaminasi. Lo specialista può valutare se è il caso di approfondire i test per la celiachia con una biopsia dell'intestino tenue che riveli eventuali danni ai villi intestinali. Un sospetto di sensibilità al glutine può essere preso in considerazione solo dopo questi accertamenti, per esclusione. A quel punto, si verificherà la bontà della diagnosi eliminando il glutine dalla dieta: sarà azzeccata se scompariranno i sintomi.

A CHI RIVOLGERSI. Le strutture dove poter fare gli esami e formulare una diagnosi di gluten sensitivity sono sul sito dell'Associazione italiana celiachia (www.celiachia.it).

CURE: l'unica terapia per curare la sensibilità al glutine è l'eliminazione degli alimenti che contengono glutine dalla dieta.
• Cibi permessi: frutta, verdura e legumi, pesce, carne e uova, latte e derivati, cereali e simili privi di glutine (riso, mais, miglio, sorgo, grano saraceno, amaranto, quinoa).
• Cibi vietati: cereali contenti glutine (come frumento, segale, farro, spelta, orzo, triticale e kamut, grano greco).

QUANTO DURA. La gluten sensibility può essere una situazione transitoria che potrebbe risolversi dopo un periodo di alimentazione senza glutine di almeno un anno. A quel punto si può provare a reintrodurre gradualmente cibi contenenti glutine e, se non si ripresentano sintomi, adottare una dieta normale.
Carlo Catassi, professore ordinario di pediatria all'Università Politecnica di Ancona
Arrigo Arrighi
Esperto AIC
Ultima modifica: 4 Anni, 4 Mesi fa Da Arrigo Arrighi Moderatore.
Ringraziano per il messaggio: sissi_75
  • Pagina:
  • 1
Tempo generazione pagina: 0.45 secondi
Page Design & Concept by